Casa Vicens: la prima opera di Gaudì


Senza categoria, Travel / lunedì, Maggio 6th, 2019

Nel mio ultimo viaggio a Barcellona, l’opera che ho amato di più è sicuramente Casa Vicens.

Stavo passeggiando lungo le strade catalane, quando mi imbatto in una piccola libreria che vendeva libri usati di vario genere. Uno dei souvenir che adoro di più sono sicuramente i libri, quindi cerco tra gli scaffali qualcosa che mi possa interessare.

Alzo gli occhi e scovo un libro dal titolo Antoni Gaudì, tutte le opere del geniale architetto, spiegate nei dettagli sezione per sezione. In italiano, a soli 5 euro! Non potevo davvero lasciarmelo scappare. Soddisfatta mi avvio verso il palazzo della musica catalana, mi siedo con un caffè (il cappuccino l’ho preso in prestito per fare la foto, da vera travel blogger intollerante al lattosio) e inizio a sfogliarlo.

Tra le pagine vi sono raccontate le opere più belle di Gaudì e tra le più conosciute ne trovo una che non avevo mai sentito: casa Vicens, il primo lavoro dell’architetto. Mi attivo subito per cercarla e scopro che è stata aperta al pubblico da poco, e che visitarla costa solo 16 euro (prezzo assai basso per la media di Barcellona).
Qui potete acquistare i biglietti per casa Vicens

Decido quindi di andare a visitarla, e come previsto, me ne innamoro follemente.

La casa Vicens fu il primo incarico importante affidato a Gaudì quando aveva solo 26 anni, cioè subito dopo essersi laureato. Il progetto prevedeva la costruzione di una casa di villeggiatura, per questo motivo i richiami alla natura e l’importanza nei confronti del giardino sono evidenti da subito.

L’opera sembra urlare la genialità di Gaudì, un incontro tra culture e stili diversi, dalle ceramiche che evocano l’architettura araba ai motivi naturali che richiamano l’arte orientale.

La casa presenta quattro livelli: una cantina, due piani abitativi e il sottotetto per i domestici. La decorazione è protagonista in ogni centimetro della casa, unendo l’arte araba e orientale con elementi tipici catalani.

Coerentemente allo stile di tutto il progetto, anche gli interni della casa sono decorati con motivi naturali, sia floreali che faunistici. Ricorrenti sono le figure del passero, del colibrì e del fenicottero.

Indubbiamente questa casa mi ha affascinata fin da subito, per il calore e la tranquillità che emana. Se avete programmato un viaggio a Barcellona ve la consiglio vivamente.

Altri post che potrebbero interessarti su Barcellona:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *